Bruno Lauzi

Non solo cantautore


uomo con capelli ricci bianchi e gilet verde suona chitarra

Cantautore

compositore

e cabarettista



Bruno Lauzi

Noto cantautore, compositore e cabarettista italiano, Bruno Lauzi è stato ex allievo del Maestro Massimo Tenzi, nella sezione della Scuola di Musica Tenzi di Varese tra la fine degli anni ’50 e gli inizi degli anni ’60.


Biografia

Insieme a Fabrizio De André, Gino Paoli, Sergio Endrigo, Luigi Tenco e Umberto Bindi, è tra i principali fondatori della famosa Scuola Genovese dei Cantautori

Quattro giovani cantautori eleganti

Da destra a sinistra Bruno Lauzi, Vanis Rebecchi, Sergio Endrigo e Gino Paoli

Alcune tappe

1950/60

Trasferitosi a Varese nel 1956 instaurò un rapporto di collaborazione e amicizia con lo scrittore Piero Chiara, occupandosi della correzione delle bozze dei suoi libri.

E’ proprio in questo periodo, verso la fine degli anni ’50, che studiò chitarra con il Massimo Tenzi.
Frequentò per un breve periodo, ma gli insegnamenti acquisiti gli permisero di potersi accompagnare ed esprimere con lo strumento, riuscendo poi a comporre per il resto della sua vita le canzoni famose che tutti conosciamo.

Scrisse moltissime canzoni per se stesso, come anche per tantissimi altri artisti, tra i quali:

Giorgio Gaber, Enzo Iannacci, Lino Toffolo, Cochi e Renato, Edoardo Bennato, Mino Reitano, Pino Donaggio, I Nomadi, Mia Martini, Ornella Vanoni, Viola Valentino.

Molto conosciute sono anche le canzoni per bambini come La Tartaruga e Jhonny Bassotto.


Nel 1982, per coincidenza, Bruno Lauzi incontrò nuovamente il M° Massimo Tenzi nello studio di registrazione di Milano J.S. Bach Studio, in quanto entrambi stavano realizzando un disco.

In quell’occasione Bruno Lauzi disse al M° Tenzi:
– Maestro!! Che piacere rivederla!! Deve sapere che Lei solo può affermare di essere stato il mio unico Maestro di musica…

Artista poliedrico, anticonformista e di grande creatività, ha lasciato un importante patrimonio nella storia della musica italiana.